Una intera città si mobilita durante il weekend tra il 27 ed 29 marzo 2015.
Due tra le piazze più belle e rappresentative di tutta la Toscana accolgono una pletora di chef, ristoratori, produttori d’eccellenza, Consorzi di tutela ed Enti di promozione agroalimentare e vitivinicola. Nel frattempo tutta la Provincia è in allerta: manifestazioni enogastronomiche, degustazioni, tour di eccellenza tra musei e laboratori di produzione del prodotto tipico, gite culturali alla scoperta di borghi ed itinerari insoliti, fuori dalle rotte pubblicizzate dalle guide.
Siamo a Siena e le circostanze sono quelle di una intera Regione che si prepara alla grande manifestazione che sposterà i riflettori di tutto il mondo sull’Italia, EXPO2015.

Il buon vivere toscano

Il titolo dell’evento è evocativo per qualsiasi toscano che si rispetti. Già perché la Toscana, nell’immaginario di noi che qui abbiamo mosso i nostri primi passi ed assaporato il gusto dei primi cibi, è da sempre la terra del buon vivere per eccellenza. Qui in Toscana il tempo si ferma dinanzi ad un piatto di pici, ad un assaggio di pecorino e salumi come ad un buon bicchiere di vino. Il tutto all’insegna della semplicità e della genuinità. Ed anche qualora il cibo non sia stato di vostro gradimento, c’è sempre un panorama mozzafiato da contemplare, che sta proprio lì a sopire qualsiasi arrabbiatura…

Toscana terra del buon vivere: da un lato la creatività e l’interpretazione personale di ogni chef, dall’altro l’autenticità dei produttori e delle tradizioni toscane

Che cos’è “Toscana terra del buon vivere”

Toscana terra del buon vivere non c’è proprio verso di rimanere delusi o di uscirsene arrabbiati. Da un lato c’è l’eccellenza rappresentata dai migliori ristoranti della Provincia di Siena, impegnati con i propri chef a rielaborare tematicamente ricette di altri tempi o a proporre proprie originali creazioni con i cooking show in Piazza del Campo o sotto il “tartarugone” della retrostante Piazza del Mercato. Dall’altro ci sono i produttori, il fior fiore della produzione enogastronomica della Regione Toscana, attorno al quale sono costruite le proposte degli chef ed alle quali è adibito lo spazio di degustazione e vendita proprio dietro al Palazzo Pubblico, esattamente dove si tiene giornalmente il mercato della città.

Da un lato la tradizione, dall’altro la modernità. E nel mezzo ci sono anche i Consorzi di tutela e gli Enti deputati a far conoscere e apprezzare i migliori prodotti toscani a marchio D.O.P. o I.G.P. e le migliori creazioni culinarie della tradizione, riviste e corrette in base alla stagionalità, alle materie prime, alla fantasia e, si – perchè no?! – anche ai tempi: perchè è giusto guardare alla contemporaneità tanto quanto è giusto onorare la tradizione.

Toscana terra del buon vivere: è giusto guardare alla contemporaneità tanto quanto è giusto restare fermi nel proposito di rispettare la tradizione.

Come mai ci ha emozionato

Il gusto di un tempo, quello che trovi ancora nelle osterie a conduzione familiare o nei banchi del mercato, sapientemente mescolato alla cucina d’eccellenza. Le materie prime dell’orto e l’abilità di chi si è formato nelle cucine di tutta Italia e tutta Europa, collezionando riconoscimenti e premi. La storia di un piatto che ha un importante passato e la rivisitazione in chiave contemporanea con fantasia e creatività. Tutto questo e molto altro abbiamo trovato a Toscana terra del buon vivere, oltre ad amicizie, contatti, passioni e soprattutto emozioni.

Exporurale, "Tonno" di Cinta Senese
Exporurale, “Tonno” di Cinta Senese – ItalyzeMe CC BY-NC-ND 2.0

Perchè l’amore per il cibo è ciò che spinge ogni “addetto ai lavori” a raccontare la passione che impiega nella creazione di un piatto, il duro lavoro che sta dietro la produzione di un prodotto tipico, la fatica di giungere al blend perfetto tra vitigni. Ma è anche l’impegno dietro alla organizzazione di una cucina o alla promozione di una novità.
A Toscana terra del buon vivere riesci a percepire tutto questo. E tutto assieme. In un turbinio di emozioni in cui la gola diventa assai difficile da controllare.

E visto che non possiamo farvi testare dal vivo la bontà di tutti questi piatti e prodotti, vi lasciamo con una piccola galleria di immagini della manifestazione, convinti che anche a voi verrà un grande appetito e magari, alla prossima manifestazione, ci incontreremo tra gli stand enogastronomici per brindare tutti assieme alle eccellenze toscane!

Articolo precedenteI croxetti liguri
Articolo successivoSan Giovanni d’Asso ed il Tartufo delle Crete Senesi
ItalyzeMe, in giro per l’Italia alla scoperta delle eccellenze del gusto, della tradizione e delle curiosità più entusiasmanti del nostro paese.